Choose another country to see content specific to your location

//Select Country

Analisi NIAS (sostanze non intenzionalmente aggiunte)

Garantire la qualità dei prodotti

Cosa sono i NIAS?

I materiali destinati a venire a contatto con gli alimenti sono una potenziale fonte di contaminazione alimentare, potendo rilasciare sostanze migranti con diverse proprietà tossicologiche a seconda della loro composizione chimica, del tempo di esposizione e delle condizioni fisiche in cui si trovano.
La caratterizzazione di tali sostanze è un parametro critico dal momento che la maggior parte di esse sono sostanze sconosciute, o conosciute e non ammesse, e comunque non intenzionalmente aggiunte. Questi sono i NIAS, definiti dall’Articolo 3 del Regolamento EU 10/2011 come “sostanze aggiunte non intenzionalmente: impurità presente nelle sostanze utilizzate, intermedio di reazione formatosi durante il processo produttivo o prodotto di reazione o di decomposizione.”

valutazione del rischio

Uno dei primi strumenti per la valutazione del rischio di tali sostanze messo a disposizione degli operatori, è il "Progetto Matrix". Basato sui dati di assunzione di cibo di cinque paesi europei (Italia, Regno Unito, Francia, Germania e Spagna) e su dati di utilizzo di imballaggi raccolti da società di ricerche di mercato, ha permesso lo sviluppo di uno strumento di calcolo che può fornire una stima dell’effettiva esposizione a tali sostanze.

Successivamente si è aggiunto il metodo FACET (Flavourings, Additives, Contact materials, Exposure Task), un software che contiene un database delle concentrazioni chimiche per aromi e additivi, dati industriali sulla composizione dettagliata degli imballaggi e diari sul consumo del cibo, che, combinati in modelli probabilistici di esposizione alimentare, stimano l’esposizione in differenti popolazioni di consumatori in Europa.

Un ulteriore supporto è dato da alcune linee guida (ILSI, Eupia, ecc) che, di fronte alla vastità e complessità dell’argomento, non riescono però a risolvere il gap normativo attualmente presente.

riferimenti normativi

Uno dei principali aspetti critici legati ai NIAS è che nella grande maggioranza dei casi non sono stati valutati scientificamente da parte dell’EFSA da un punto di vista tossicologico e quindi non se ne può conoscere esattamente il rischio per la salute umana, soprattutto da un punto di vista genetico e cancerogeno.

Come richiesto dall’articolo 19 del regolamento della Commissione Europea (EU) n° 10/2011, deve essere valutato il rischio di contaminazione di NIAS così come di tutte quelle sostanze non presenti nella lista di quelle consentite all’uso, presente nel Regolamento.

matrici

La valutazione dei NIAS, benché il termine sia definito all’interno del Regolamento 10/2011 relativo alle materie plastiche, fa parte di una più ampia valutazione della pericolosità dei MOCA (Materiali e Oggetti a contatto con gli Alimenti) richiesta dall’articolo 3 del Reg.1935/2004 su tutti i tipi di materiale.
Ogni materiale deve essere valutato anche dal punto di vista della possibile cessione di sostanze non intenzionalmente aggiunte, che possono essere in concentrazione tale da nuocere alla salute o da alterare le caratteristiche organolettiche dell’alimento.


COME POSSIAMO AIUTARVI?

Partendo dai produttori di MOCA fino ai rivenditori finali, tutti gli operatori della filiera necessitano di supporto tecnico per orientarsi nel complesso approccio ai NIAS. È necessario guidare gli operatori del settore nell’applicazione di un’analisi del rischio più efficace possibile, affinché il prodotto risulti sicuro per la salute del consumatore.

I laboratori PH dispongono sia di know how che di strumentazione di ultima generazione per effettuare queste analisi. È possibile così di individuare ogni tipo di molecola (volatile, semi-volatile e non-volatile) utilizzando librerie di composti chimici per la loro identificazione, mettendo in relazione le caratteristiche del prodotto con i dati scientifici di tossicità dei composti.
Inoltre PH offre un servizio di valutazione del rischio sulla base delle informazioni provenienti dalla filiera di tipo documentale. Il dialogo di filiera è infatti fondamentale nella valutazione dei NIAS e per questo PH si mette a disposizione dei clienti per favorire il dialogo di filiera anche con accordi di riservatezza.

Come possiamo aiutarti?

Select Your Location

Global

Americas

Asia

Europe

Middle East and Africa