Choose another country to see content specific to your location

//Select Country

Direttiva PED 2014/68/UE per Attrezzature a Pressione

Fornire reali benefici commerciali in tutti i segmenti chiave

La Direttiva 97/23/CE (PED) sulle attrezzature in pressione è sostituita dalla nuova Direttiva 2014/68/UE che si allinea al nuovo quadro legislativo europeo. I produttori di attrezzature e serbatoi in pressione dovranno rivedere le loro procedure relativamente alla Marcatura CE e alla relativa documentazione. I cambiamenti toccano però anche gli altri operatori economici e gli OO. NN. ed altre parti terze.

Le principali modifiche

Non vi è alcun cambiamento nel campo di applicazione della PED o nelle tabelle di pericolosità per categoria di prodotti.
 
La maggior parte delle modifiche alla nuova Direttiva riguardano la classificazione delle sostanze pericolose e le conseguenze sulla categoria di rischio, oltre ad aspetti procedurali (procedure di valutazione della conformità).

Sono pochissime, invece, le modifiche ai requisiti di conformità, e la maggior parte di queste riguardano la tracciabilità degli scambi commerciali con relative responsabilità per i vari operatori economici, la responsabilità degli OO. NN. ed altre parti terze di dimostrare e mantenere attraverso accreditamento la propria competenza e di partecipare a scambi su base nazionale ed internazionale per mantenere un’uniformità di approccio e di valutazione.

Secondo la nuova Direttiva 2014/68/CE, le certificazioni esistenti sono valide. L’articolo 48 afferma: "I certificati e le decisioni emesse dagli organismi di certificazione circa la conformità a quanto stabilito dalla Direttiva 97/23/CE sono validi ai sensi della presente.”


Dubbi? Scarica l'e-book con le risposte a "Le dieci domande più frequenti che i clienti ci pongono sulla Direttiva PED".

SCARICALO ORA


REQUISITI IN VIGORE DAL 1° Giugno 2015

ARTICOLO 13 – CLASSIFICAZIONE DELLE ATTREZZATURE IN PRESSIONE 

Con la nuova Direttiva cambia la classificazione delle attrezzature in pressione, poiché la Direttiva sulle sostanze pericolose  67/548/CEE -  a cui la PED fa riferimento, che per classificare i fluidi li inserisce nel  Gruppo 1 o 2, viene sostituita dal regolamento sulla classificazione, etichettatura e imballaggio (CLP) di sostanze e miscele, Regolamento CE 1272/2008.
Poche sono le sostanze che riguardano la PED che dovrebbero cambiare a seguito di questa modifica. Le tabelle di classificazione delle attrezzature a pressione non subiranno cambiamenti.
I nuovi requisiti dovranno essere applicati alle nuove apparecchiature immesse sul mercato dopo il 1° giugno 2015.

REQUISITI IN VIGORE DAL 19 LUGLIO 2016

La nuova direttiva è stata allineata al Nuovo Quadro Legislativo - NQN. In questo contesto, i produttori di attrezzature a pressione dovranno rivedere le loro procedure di marcatura CE e la documentazione dopo il 2015 e allinearle alla nuova normativa. 

Struttura della direttiva

Tutti gli operatori economici che immettono sul mercato dell'UE nuove attrezzature a pressione devono essere in grado di fornire alle autorità di vigilanza del mercato, per un periodo di 10 anni, informazioni dettagliate sugli operatori economici da cui hanno acquistato o a cui hanno venduto specifiche attrezzature a pressione. I produttori devono effettuare un'analisi dei rischi invece di un'analisi dei pericoli.
Nuove definizioni di alcuni termini, moduli e contenuti.

Tipi di operatori economici

Oggi la Direttiva identifica quattro tipi di operatori nel settore specifico:

1. Fabbricanti
2. Importatori
3. Distributori
4. Rappresentanti autorizzati per produttori locati fuori dai confini dell’Unione Europea

Il nuovo quadro normativo a cui la nuova Direttiva fa riferimento, ha riconosciuto come non solo i produttori, ma tutti gli operatori nella catena degli scambi commerciali abbiano un ruolo, con conseguenti obblighi, nel garantire che solo prodotti sicuri e conformi raggiungano il mercato UE.
La revisione della direttiva chiarisce anche che importatori o distributori di attrezzature in pressione o di insiemi che li immettono sul mercato con marchio proprio, o modificano le attrezzature in modo da condizionarne la conformità, saranno considerati alla stregua di fabbricanti e dovranno quindi assumersi la responsabilità legale per la conformità del prodotto, tra cui anche la valutazione di conformità.

Modifiche dei moduli

  • Modulo A1 è stato rinominato A2
  • Modulo B1, design type, è stato incorporato nel modulo
  • Modulo B è ora una combinazione di design type e production type
  • Modulo C1 è stato rinominato C2

Come i moduli rientrano nelle categorie

  • Categoria I = Modulo A
  • Categoria II = Moduli A2, D1, E1
  • Categoria III = Moduli B (design type) + D, B (design type) + F, B (production type) + E, B (production type) + C2, H
  • Categoria IV = Moduli B (production type) + D, B (production type) + F, G, H1

Modulo B e B1 sono stati uniti in un unico modulo, pur mantendo intatta la distinzione, rispettivamente B (production type) e B (design type). 
I moduli D, D1, E, E1, G, H, e H1 presentano modifiche ai requisiti del Sistema di Gestione Qualità. Le definizioni CE type examination e CE design examination sono sostituiti dal termine "EU-Type Examination"

L’analisi dei rischi affianca l'analisi dei pericoli

L’Organismo Notificato deve ora informare i fabbricanti circa lo stato dell'arte e dei cambiamenti in corso.
I produttori devono conservare nome e indirizzo dei loro clienti per almeno 10 anni, mettendoli a disposizione delle autorità competenti, così come pure gli importatori ed i distributori devono conservare nome e indirizzo dei loro clienti e fornitori per almeno 10 anni, mettendoli a disposizione delle autorità competenti.

Dichiarazione di conformità

Il titolo è stato leggermente modificato in 'Dichiarazione di conformità UE'
È facoltativo scegliere di assegnare un numero alla dichiarazione
Sono state fornite indicazioni circa il tipo di informazioni che devono essere fornite per permettere l’identificazione del prodotto (è suggerito di utilizzare l'immagine)
Deve essere inserita una informativa che spieghi come la Dichiarazione sia stata rilasciata sotto la sola responsabilità del produttore ed un’altra dichiarazione che affermi che il prodotto è stato dichiarato conforme alla normativa applicabile
È stato modificato il numero della direttiva, ed il nuovo numero, 2014/68/UE deve essere dichiarato

 

 

 

Come possiamo aiutarti?

Select Your Location

Global

Americas

Asia

Europe

Middle East and Africa