shutterstock_148380899
2 min

La Norma ISO 20400:2017: rivoluziona l'approvvigionamento aziendale

Segui le linee guida della ISO 20400

Articolo di: Marta Gravina Data: 29 Jun 2023

Strategie Efficaci per Implementare la Sostenibilità nella Catena di Fornitura con ISO 20400

La Norma ISO 20400:2017 – Acquisti Sostenibili è cruciale per le aziende che mirano a garantire una catena di fornitura rispettosa dell'ambiente e della società, evitando rischi finanziari, ambientali e sociali.

 

La norma ISO 20400:2017 – acquisti sostenibili – definisce le linee guida da integrare nei processi aziendali di approvvigionamento per garantire una catena di fornitura sostenibile che non crei esternalità negative per l’ambiente e la società. È una guida di fondamentale importanza per le aziende che vogliono salvaguardarsi dai rischi economico-finanziari, ambientali e sociali connessi ai propri fornitori, nonché dai danni reputazionali che l’organizzazione potrebbe subire a causa di una gestione approssimativa della sua catena di valore.

 

La norma si collega e amplia la ISO 26000 sulla Responsabilità Sociale d’Impresa, ponendo un focus sugli acquisti sostenibili definiti come “acquisti che hanno gli effetti ambientali, sociali ed economici maggiormente positivi nell’arco dell’intero ciclo di vita”.

 

Cosa si intende però per ciclo di vita? Analizzare gli impatti economico-ambientali-sociali lungo tutto il ciclo di vita del prodotto partendo dai primi livelli di fornitura, ovvero l’approvvigionamento delle materie prime. Questo sistema permette di tracciare i rischi connessi a determinati fornitori e consente all’organizzazione di scegliere con cautela con chi intrattenere affari.

 

Tuttavia, implementare un processo di due diligence sulla propria catena di fornitura non è facile, per cui la ISO 20400 si pone come norma finalizzata a guidare le aziende, di qualsiasi dimensione e settore, a stabilire una governance di approvvigionamento sostenibile.

L’azienda sarà chiamata a stabilire i criteri di sostenibilità che vuole adottare, quindi le proprie priorità e di conseguenza a definire parametri e indicatori volti alla valutazione delle prestazioni dei fornitori. La norma si divide in quattro sezioni o step che l’organizzazione deve seguire per rendere sostenibile la propria catena di fornitura:

  • La comprensione dei concetti fondamentali dello standard
  • L’integrazione della sostenibilità all’interno della politica aziendale di approvvigionamento
  • Le condizioni organizzative da implementare per consentire gli acquisti sostenibili
  • L’integrazione della sostenibilità nel processo d’acquisto

Nonostante non sia una norma certificabile, gli enti terzi possono attestarne la conformità. La ISO 20400 si rivela una norma molto utile in termini di protezione dall’esposizione ai rischi derivanti dai propri fornitori e di tutela dell’immagine e della reputazione del marchio. In senso più generale, l’applicazione della norma da parte di un’azienda può provocare un effetto a cascata nei suoi fornitori che si troveranno a dover implementare pratiche in ambito ESG (ambiente, sociale e governance) per poter mantenere i rapporti commerciali, favorendo la crescita del numero di aziende sostenibili nella filiera.

 

Infine, la norma fa da precorritrice alla Direttiva dell’Unione Europea CSDD, Corporate Sustainability Due Diligence, proposta dalla Commissione Europea e adottata dal Parlamento EU il 1° giugno 2023 che introduce il concetto di due diligence aziendale in materia di sostenibilità lungo la catena di fornitura. La Direttiva coinvolgerà le imprese con oltre 250 dipendenti e un fatturato che supera i 40 milioni di euro in Europa (o imprese estere che fatturano 150 milioni di euro in Europa).

 

Alle aziende non resta dunque che prepararsi al meglio per affrontare il nuovo contesto di mercato con l’ausilio della ISO 20400.

Come possiamo aiutarti?

Site Selector