Sustainability, Earth day 2022 image
2 min

ESRS e CSRD: Il Futuro della Sostenibilità Aziendale

Articolo di: Marta Gravina

NUOVI STANDARD PER LA SOSTENIBILITÀ AZIENDALE

Gli ESRS si compongono di 12 standard che ricoprono i requisiti generali di rendicontazione e tutti i temi legati alla sostenibilità: essi saranno la base per rispettare la Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD) deliberata dalla Commissione Europea.


Timeline

 

Il 31 luglio 2023 la Commissione Europea ha adottato, tramite un Regolamento Delegato, gli standard definitivi su cui si baserà la rendicontazione sulla sostenibilità delle imprese che rientreranno nel perimetro della Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD).

Le aziende coinvolte saranno più di 50.000 in tutta Europa, sia grandi che medie e piccole, e verranno identificate in base a specifici requisiti (numero di dipendenti, fatturato e attività totali). Il coinvolgimento sarà graduale nel tempo e partirà dalle grandi aziende già soggette alla NFRD (la norma precorritrice alla CSRD) che saranno chiamate a rendicontare le proprie performance sostenibili entro il 2025 sulla base delle informazioni riferite al 2024.

 

Sviluppo degli ESRS e ultime modifiche

 

La bozza degli European Sustainability Reporting Standards (ESRS), questo il nome degli standard elaborati dall’European Financial Reporting Advisory Group (EFRAG), era stata sottoposta alla Commissione Europea nel novembre del 2022 e ad essa si sono susseguite diverse variazioni fino alla versione finale recentemente approvata.

Le modifiche apportate nella ultima versione riguardano principalmente la fase di coinvolgimento delle organizzazioni con meno di 750 impiegati, aziende per cui rendicontare sulla sostenibilità è generalmente più dispendioso in termini di risorse e tempo rispetto a quelle di grandi dimensioni. Le nuove indicazioni consentono alle organizzazioni meno strutturate di distribuire i costi iniziali su un periodo temporale più ampio, in modo da potersi preparare adeguatamente al nuovo contesto di rendicontazione. Un’altra correzione apportata dalla Commissione riguarda le informazioni da rendicontare: per dare una maggiore flessibilità alle organizzazioni ed evitare maggiori costi legati alla rendicontazione di informazioni superflue, è stato reso obbligatorio esclusivamente lo standard ESRS 2.

 

In cosa consistono gli ESRS

 

Gli ESRS si compongono di 12 standard che ricoprono i requisiti generali di rendicontazione e tutti i temi legati alla sostenibilità. A questi si aggiungeranno gli standard di settore, ancora in fase di elaborazione, che forniranno indicazioni supplementari su impatti, opportunità e rischi materiali per il settore di cui l’organizzazione chiamata a rendicontare fa parte. Gli ESRS 1 e gli ESRS 2 sono gli standard trasversali. I primi rappresentano i “General Requirements” e contengono i principi generali da applicare per una corretta rendicontazione, mentre gli ESRS 2 sono i “General Disclosures” e specificano le informazioni da rendicontare obbligatoriamente.

Gli altri 10 ESRS sono invece i cosiddetti topic standard, che contengono requisiti di rendicontazione suddivisi nelle categorie ambiente, sociale e governance. La scelta su quali di queste informazioni includere nel report di sostenibilità si basa sulla materialità doppia, un concetto che aggiorna la precedente analisi di materialità. Alle organizzazioni verrà chiesto di rendicontare non solo i propri impatti su ambiente e società, come accadeva in precedenza, ma anche di identificare rischi e opportunità finanziarie per la propria organizzazione che possono derivare dalle evoluzioni ambientali e socioeconomiche.

 

Perché gli ESRS saranno così importanti?

 

Gli ESRS nascono dalla necessità di fornire informazioni chiare, standardizzate e affidabili ai soggetti portatori di interesse nei confronti dell’organizzazione, i cosiddetti stakeholder. In particolar modo agli investitori, che, in un quadro più ampio come quello del Green Deal, devono rispondere a regolamenti come il Sustainable Financial Reporting Disclosure Regulation (SFRD) che li obbliga a pubblicare informazioni sulla sostenibilità dei propri prodotti finanziari.

La mancanza di informazioni di qualità espone gli investitori a rischi di non conformità con i regolamenti europei, un problema a cui gli ESRS possono rispondere fornendo un report di sostenibilità aziendale affidabile e comparabile. 

 

Allineamento con gli standard GRI: Cos'è l'Interoperability Index

 

Gli ESRS presentano un notevole grado di allineamento con gli standard della Global Reporting Initiative (GRI), più diffusi a livello globale e che rappresentano quindi un ottimo punto di partenza per prepararsi alla transizione verso gli ESRS.

Nel dicembre 2023, inoltre, l'EFRAG e il GRI annunciano il rinnovo del Memorandum d’Intesa, dopo una fruttuosa partnership triennale. Questo importante accordo consolida l'allineamento raggiunto tra gli European Sustainability Reporting Standards (ESRS) e gli Standard del GRI, sottolineando l'impegno di entrambe le organizzazioni a proseguire la collaborazione e a fornire supporto tecnico alle società nella fase di reporting.

Come risultato di questa rinnovata collaborazione, è stato reso disponibile al pubblico l'Indice di Interoperabilità GRI-ESRS, in attesa dell’approvazione da parte degli organi EFRAG prevista durante le riunioni di dicembre. Questo indice illustra come i requisiti di informativa e i datapoint in ciascun insieme di standard siano interconnessi, evidenziando il parallelismo tra i due strumenti. L'indice pone una solida base per una tassonomia digitale reciproca, che consentirà di snellire i processi ed eliminare la necessità di una doppia rendicontazione.

Questo sviluppo segna un salto significativo verso un sistema di rendicontazione di facile utilizzo, con l’obiettivo di ridurre la complessità per le organizzazioni che dovranno rendicontare secondo gli standard ESRS. Queste ultime saranno infatti considerate come soggetti che rendicontano "con riferimento" agli standard GRI. In quest’ottica, lo standard GRI si configura come strumento essenziale per acquisire confidenza con le attività di rendicontazione e per arrivare preparati nel momento in cui l’adozione degli ESRS sarà obbligatoria.


 

Approfondisci:

Sostenibilità GRI sicurezza ambiente futuro normative europee
Webinar On Demand

Come possiamo aiutarti?

Site Selector