Pianificazione della continuità operativa aziendale

Valutare le minacce e creare strategie per prevenire e ridurre gli effetti sulle attività

Valutare le minacce e creare strategie per prevenire e ridurre gli effetti sulle attività

Le aziende devono affrontare diversi tipi di rischio da incendi, esplosioni, guasto macchine fino a fenomeni naturali e devono essere pronte ad affrontarli. In un'epoca di produzione snella, esternalizzata e di incertezza finanziaria diventa sempre più difficile prepararsi alle emergenze garantendo la continuità aziendale durante e dopo un disastro. Gli esperti di TÜV SÜD Global Risk Consultants sono in grado di valutare le componenti chiave e critiche, supportando le aziende nella messa a punto di piani di continuità aziendale per mantenere le attività.

COSA È LA PIANIFICAZIONE DELLA CONTINUITÀ AZIENDALE?

Indipendentemente dal settore in cui operano, tutte le aziende sono esposte a rischi dovuti a incendi/esplosioni, disastri naturali, rischi della catena di approvvigionamento e / o interruzioni dei servizi. Questi incidenti possono incidere sull’operatività aziendale con risvolti molto critici. Secondo la Global Claims Review del 2015 di Allianz, gli impatti dell’interruzione dell’attività aziendale (Business Interruption - BI) sono stati classificati come il rischio più elevato affrontato dalle aziende globali, con conseguenze per le industrie e le organizzazioni di tutto il mondo. Alcune delle principali cause della BI includono incendi ed esplosioni, tempeste e calamità naturali, guasti ai macchinari ed errori umani.

L'esperienza ha dimostrato che le aziende che non sono preparate ad affrontare un disastro hanno meno probabilità di sopravvivere, indipendentemente dalla loro situazione economica, fiscale ed assicurativa.

PERCHÉ LA PIANIFICAZIONE DELLA CONTINUITÀ AZIENDALE È IMPORTANTE?

Individuare i rischi causati da un‘interruzione delle attività, quantificandone il potenziale impatto sulla propria azienda, sviluppare strategie di mitigazione e pianificare in anticipo l’eventualità di un disastro sono le chiavi per poter sopravvivere. Queste attività sono generalmente denominate Business Impact Analysis (BIA) e Business Continuity Planning (BCP).

I SERVIZI DI PIANIFICAZIONE DELLA CONTINUITÀ DI TÜV SÜD GRC CONSENTONO ALLE AZIENDE DI ESSERE PREPARATE

In un'epoca di produzione snella, spesso esternalizzata e una forte incertezza finanziaria, i tecnici della gestione del rischio si trovano a dover affrontare il difficile compito di tenersi aggiornati sui rischi di interruzione delle attività interdipendenti / contingenti della propria azienda (IBI / CBI). Per questo non si può prescindere da considerare i seguenti elementi:

  • Regolamenti e normative come ISO 22301, ISO 31000, NFPA 1600 e la legge Sarbanes - Oxley
  • Minori entrate a seguito di calamità naturali o provocate dall'uomo
  • Aumento dei disastri (causati dall'uomo e naturali) a cui è seguita una lunga storia di fallimenti
  • Maggiore attenzione delle compagnie assicuratrici sulla presenza o meno di un piano di continuità del business (BCP) / ed alle perdite potenziali derivanti da interruzione della catena di fornitura

PERCHÉ SCEGLIERE TÜV SÜD GRC COME PARTNER PER LO SVILUPPO DI UN PIANO DI CONTINUITA‘ AZIENDALE (BUSINESS CONTINUITY PLAN - BCP)?

I nostri esperti mettono a disposizione la loro esperienza nella valutazione delle aziende, incluse le attrezzature disponibili, eventuali colli di bottiglia o esposizioni come elementi chiave del processo BCP. Il servizio offerto vede:

  • Competenza nella produzione: molti consulenti BCP si concentrano sul rischio finanziario e su quello informatico, trascurando la produzione e la catena di approvvigionamento. Conosciamo bene l'industria e i suoi processi e sfruttiamo le nostre conoscenze a vantaggio delle aziende.
  • Analisi del cliente: conosciamo i nostri clienti perché visitiamo le aziende.
  • Competenza nella gestione dei rischi: interruzione dell'attività, interdipendenza, potenziale danno indiretto; affrontiamo questi problemi di gestione del rischio quotidianamente.
  • Indipendenza: sono le aziende le proprietarie delle informazioni, non altri partner o le compagnie assicurative.

Come possiamo aiutarti?

Site Selector