Serie 200 Standard GRI
1 min

Guida GRI Serie 200: Pilastri della Sostenibilità

La rendicontazione economica

Articolo di: Simone Comes

La rendicontazione economica nel report di sostenibilità: un approfondimento sulla Serie 200 del GRI

 

I Global Reporting Initiative (GRI) Standards rappresentano le best practices per la reportistica pubblica in merito a una serie di impatti economici, ambientali e sociali. La rendicontazione di sostenibilità basata su di essi fornisce informazioni sui contributi positivi o negativi di un’organizzazione in un’ottica di sviluppo sostenibile. I GRI sono un insieme di standard interconnessi, organizzati in tre serie: Standard Universali, Standard di Settore e Standard Specifici.

La serie 200 contiene i requisiti e le linee guida per rendicontare le informazioni di carattere economico. Questo tema è strettamente connesso al concetto di sviluppo sostenibile: quest’ultimo, infatti, coniuga la crescita economica all’uso responsabile delle risorse secondo il concetto di decoupling, che punta a disaccoppiare la crescita economica dagli impatti ambientali avversi generati da essa con una prospettiva a lungo termine.

 

L'interconnessione tra gli impatti economici, ambientali e sociali è un elemento chiave per il GRI. Infatti, le pratiche di un’organizzazione nel contesto economico possono avere ricadute di tipo sociale e ambientale. Una pratica economica negativa, come ad esempio lo spostamento della sede legale di un’organizzazione al fine di ottenere vantaggi fiscali, può avere importanti ricadute sulla società oltre che sull’economia di un Paese. L'approccio GRI promuove la consapevolezza di questa interdipendenza, sottolineando l'importanza di un approccio olistico alla rendicontazione di sostenibilità.

 

La serie economica del GRI include sette standard, legati alle seguenti aree tematiche:

GRI 201: Performance economica

GRI 202: Presenza sul mercato

GRI 203: Impatti economici indiretti

GRI 204: Prassi di approvvigionamento

GRI 205: Anticorruzione

GRI 206: Comportamento anti-competitivo

GRI 207: Tasse

 

La scelta delle aree e delle informazioni da rendicontare dipende dai temi che l’organizzazione ha determinato come “materiali” per essa stessa, ovvero temi che “riflettono l'impatto economico, ambientale e sociale significativo dell'organizzazione o che influenzano in modo profondo le valutazioni e le decisioni degli stakeholder.”

Ciascuno standard include a sua volta un set di informative specifiche, che analizzano con maggior dettaglio elementi di particolare rilevanza per quei temi.

  • GRI 201

    Lo standard GRI 201 si concentra sulla performance economica dell’organizzazione ed è composto da 4 informative. La prima esamina il valore economico direttamente generato e distribuito dall'organizzazione, aspetto già incluso nel bilancio d’esercizio. L’informativa 201-2 prende invece in esame le implicazioni finanziarie, i rischi e le opportunità connessi al cambiamento climatico come elementi che potrebbero impattare in maniera significativa le operazioni, i ricavi o le spese delle aziende. Prevede inoltre di riportare le misure adottate per gestire il rischio o l’opportunità e i relativi costi. 

    Le ultime due informative si riferiscono alle obbligazioni relative ai piani pensionistici a benefici definiti e l'assistenza finanziaria ricevuta da parte dei governi dei paesi in cui l’organizzazione opera.

  • GRI 202

    Il GRI 202 si riferisce invece ai requisiti riguardanti la presenza e l’attività sul mercato di un'organizzazione. Questo set di informative è utile per la rendicontazione dei contributi economici che l’organizzazione conferisce per lo sviluppo delle regioni in cui opera, con focus su aspetti come la remunerazione dei dipendenti in rapporto al salario base e l'assunzione di personale locale per le posizioni dirigenziali.

  • GRI 203

    A seguire troviamo lo standard 203, diviso in due informative che affrontano gli impatti economici indiretti dell’organizzazione, includendo quelli derivanti dagli investimenti in infrastrutture e dai servizi supportati dall'organizzazione.

    La valutazione di tali impatti è cruciale per comprendere il ruolo di un'organizzazione nella promozione del benessere economico a lungo termine delle comunità interessate.

  • GRI 204

    Altro standard che analizza gli impatti economici sulle comunità locali è il GRI 204, che tratta delle prassi di approvvigionamento. Esso esamina come le scelte di approvvigionamento di un'organizzazione possano sostenere fornitori locali o gruppi vulnerabili, enfatizzando l'importanza dell’implementazione di pratiche etiche anche nella catena di fornitura. Tratta anche le modalità con cui le pratiche di approvvigionamento dell’organizzazione (come i tempi di consegna che specifica ai fornitori o i prezzi di acquisto che contratta) possano comportare impatti negativi sulla catena di fornitura.

  • GRI 205

    Il tema dell’anticorruzione è trattato nel GRI 205, che evidenzia l'importanza di adottare pratiche commerciali etiche e la responsabilità nell'affrontare la corruzione collegandola ad impatti negativi di varia natura.

    Lo standard definisce “corruzione” come l’attuazione di prassi illecite come pagamenti facilitativi, frode, estorsione, collusione e riciclaggio di denaro. O ancora l’offerta o il ricevimento di omaggi, premi o altri vantaggi come incentivo a compiere un atto disonesto, illegale o che violi la fiducia degli stakeholder. Questo standard richiede di rendicontare le operazioni di valutazione dei rischi legate alla corruzione, la comunicazione e la formazione associate a normative e procedure anticorruzione e gli episodi di corruzione registrati con le relative misure correttive adottate.

  • GRI 206

    Il penultimo set di informative è il GRI 206, che affronta il comportamento anti-competitivo, ossia prassi monopolistiche e attività di trust, focalizzandosi su azioni che limitano la competizione sul mercato, come la fissazione dei prezzi o il coordinamento delle offerte. Questo standard richiede la rendicontazione del numero di azioni legali correlate a questi aspetti in cui l’organizzazione sia stata identificata come partecipante nel corso del periodo di rendicontazione.

  • GRI 207

    La Serie 200 si conclude con il GRI 207, che affronta il tema delle tasse. Queste costituiscono un meccanismo chiave tramite il quale le organizzazioni contribuiscono alle economie dei Paesi. Questo standard esamina l'approccio di un'organizzazione alle imposte, la governance e il coinvolgimento in materia fiscale di stakeholder interni ed esterni, come ad esempio le autorità fiscali. La trasparenza in quest'area è cruciale per promuovere la fiducia e valutare l'impatto fiscale di un'organizzazione nei Paesi in cui opera.

La serie economica dei GRI Standards offre un quadro completo per la rendicontazione degli impatti economici correlati alla sostenibilità aziendale, consentendo alle organizzazioni di comunicare in modo trasparente i propri impatti e contributi. In aggiunta, la strutturazione di un sistema consolidato di raccolta di tali informazioni consente di stabilire agevolmente degli obiettivi interni di decoupling attraverso il monitoraggio degli scostamenti tra i risultati economico-finanziari e gli impatti ambientali negativi generati dall’attività dell’organizzazione stessa.


Vuoi approfondire?

Approfondisci:

Sostenibilità GRI sicurezza ambiente futuro normative europee
Webinar On Demand

Come possiamo aiutarti?

Site Selector