Choose another country to see content specific to your location

//Select a site

Bytest: Hi-Tech a raggi X

Take a break with us

Il ruolo di Bytest nella rete di impresa PoEMA per la produzione di motori aeronautici: un modello innovativo di business e servizi tecnici all’avanguardia. Gennaro Oliva, Amministratore Delegato di Bytest e artefice di questo progetto insieme al suo team, li illustra entrambi.


Ci presenta gli ambiti di attività, gli obiettivi dei vostri interventi e i principali settori industriali a cui sono indirizzati?

La forza di Bytest, considerato leader indiscusso per il mercato italiano nel settore di riferimento, sta nella capacità di operare nei numerosi mercati di interesse, alla profonda competenza tecnica nei diversi Metodi NDT, nel laboratorio prove distruttive a cui si aggiunge l’elevato know how nella progettazione e produzione di impianti per il controllo. Bytest offre i propri servizi:

  • direttamente sui cantieri, attraverso il proprio dipartimento “On Field “ per i settori Oil & Gas, Energy, Navale, Società di Ingegneria, Piping, etc.
  • controllando in casa (presso proprie sedi e presso clienti in caso di Embedded Unit) i campioni inviati dalle aziende clienti dei settori Automotive, O&G, Aerospace, Ferroviario, etc., sia con Prove Non Distruttive, sia con Prove Distruttive
  • effettuando sessioni di formazione per i vari Livelli di CND e gestendo le varie qualifiche di saldatura
  • proponendo impianti di controllo personalizzati in funzione delle necessità dei clienti

Questa vasta offerta ci ha permesso di implementare un’elevata competenza tecnica specifica, riconosciuta dal mercato e dal Gruppo TÜV SÜD, che ha deciso di avere Bytest come Competence Center per il settore Aerospace. 

Quali ritiene siano le caratteristiche di Bytest che hanno spinto EMA (European Microfusioni Aerospaziali SPA) a sceglierla come partner nella rete di impresa PoEma?

Benché sia parte di un grosso gruppo quale è TÜV SÜD, Bytest ha mantenuto una propria capacità e velocità decisionale, caratteristiche che contraddistinguono il settore NDT. L’attività relativa ai Controlli Non Distruttivi, essendo la parte terminale dei processi produttivi speciali, ha spesso la necessità di tempi di intervento molto rapidi rispetto alla richiesta, poiché blocca la spedizione dei prodotti e quindi la fatturazione tra le parti. La tempestività decisionale può essere perciò la discriminante tra acquisire o meno un contratto. Nel caso specifico di EMA, occorreva stabilire il tipo di investimento, l’ammontare dello stesso, oltre alle competenze tecniche e gli accreditamenti necessari per il tipo di attività da svolgere. Ed il tutto doveva essere deciso ed effettuato in tempi brevissimi. Questo ha sposato in toto le richieste e le necessità di EMA e della Rete PoEMA di imprese che è stata implementata. A tutto questo si è aggiunta la forza finanziaria che il nostro gruppo ha messo immediatamente a disposizione.

Ci descrive le attività svolte dai tecnici Bytest in PoEMA?

EMA, detenuta al 100% da Rolls-Royce plc, produce nel suo stabilimento di Morra de Sanctis (Avellino) pale rotoriche e statoriche per motori aerei, oltre a pale per motori ad energia in leghe speciali. EMA ha acquisito contratti che raddoppieranno, entro il 2018, gli attuali volumi, portando la produzione a circa 500.000 pale/anno. Poiché le normative di riferimento, Aerospace e non, impongono che deve essere testato il 100% dei prodotti, EMA ha deciso di dare in outsourcing a Bytest il 100% delle prove che devono essere effettuate, così da focalizzarsi sul suo core business che è la produzione. Per poter controllare 500.000 pale/anno con il metodo radiografico è necessario un sistema automatico di controllo che permette circa 18 esposizioni l’ora, lavorando 24/24, una metodologia implementata da Bytest in tempi brevissimi e altamente performante.

In che cosa consiste la radiografia digitale e quali sono i suoi aspetti innovativi rispetto alla radiografia tradizionale?

La tecnologia digitale è, come per le radiografie in ambito medico, la naturale evoluzione. Questo permette di:

  • ridurre i tempi di esecuzione;
  • evitare problematiche di stoccaggio delle pellicole radiografiche, sia prima dell’esposizione che dopo;
  • evitare l’uso di chimici per lo sviluppo delle pellicole, oltre all’uso/costo delle sviluppatrici; 
  • inviare i file delle esposizioni/immagini, inviando un vero e proprio protocollo di comunicazione “DICONDE” (standard as unique imaging modalities) con tutte le sue informazioni a corredo.

Ovviamente, così come per il settore medico, ci sono tutt’ora delle resistenze culturali e di competenza, tuttavia Bytest assieme ad EMA è un precursore, oltre che promotore di questa tecnologia.

Per svolgere in PoEMA i test radiografici Bytest utilizza in loco 5 cabine radiografiche e 10 scanner; quante prove vengono realizzate mediamente in un mese e su quali componenti della produzione di Europea Microfusioni Aerospaziali S.p.A?

Come ho detto precedentemente, abbiamo dovuto strutturare l’attività in modo da poter sviluppare fino a 500.000 esposizioni l’anno il che significa, con 5 cabine, 100.000 esposizioni annue per cabina, pari a circa 16/18 esposizioni l’ora a seconda della dimensione della pala.

Oltre alle prove per Europea Microfusioni Aerospaziali S.p.A, in PoEMA Bytest esegue radiografie digitali per altri clienti e se sì in quali settori industriali essi operano?

Ovviamente Bytest, oltre alle macchine a tecnologia digitale utilizzate in EMA, sviluppa test con questa metodologia anche per vari altri clienti, sia nel settore Aerospace, sia nel settore Energia.

Nel vostro lavoro non si può prescindere dalla disponibilità di infrastrutture di prova e di personale esperto con le qualifiche necessarie per farle funzionare, ma soprattutto in grado di comprendere e commentare i risultati delle prove. Per questo avete attinto a personale Bytest o a questo avete affiancato tecnici locali?

I tecnici di Bytest hanno elevata competenza, sia per effettuare le esposizioni delle pale rotoriche/statoriche, sia per l’analisi dei dati delle esposizioni. Oltre ad operare sulle macchine svolgono anche attività formativa al personale neo assunto, affiancandolo per lunghi periodi di training.

PoEMA è un modello innovativo e di successo di fare impresa in un settore industriale all’avanguardia in un’area del paese non particolarmente vocata all’industria. Ritiene che questa esperienza possa replicarsi in altri contesti, e se sì quali ritiene siano le condizioni necessarie affinchè questo modello funzioni?

Il modello di Rete di Impresa PoEMA, fortemente voluto da EMA è sicuramente vincente e permette al produttore di focalizzarsi sul proprio core business, dando totalmente in outsourcing i processi speciali. Bytest ha sviluppato modelli simili anche con altri partner attivi in altri settori industriali con l’intervento di quello che noi chiamiamo “Embedded Unit”.


Scopri tutte le attività del laboratorio bytest

 

Come possiamo aiutarti?

Site Selector

Global

Americas

Asia

Europe

Middle East and Africa