Certificazione di sistema di gestione BIM

Supportiamo le imprese con i nostri servizi

Supportiamo le imprese con i nostri servizi

La UNI/PdR 74:2019 definisce i requisiti di un Sistema di Gestione BIM (SGBIM) relativo ai processi di programmazione, produzione, esercizio e dismissione di un’opera.

Cos'è un Sistema di Gestione BIM (SGBIM)

Il Sistema di Gestione Building Information Modeling (SGBIM) è un Sistema di Gestione digitalizzato che una organizzazione deve attuare per migliorare l’efficienza del processo di programmazione, progettazione, produzione, esercizio ed eventuale dismissione dell’opera.

I principali attori coinvolti sono:

  • Committente
  • Società di ingegneria
  • Imprese di costruzione
  • Gestori del cespite immobile

La certificazione SGBIM dimostra che Organizzazioni e professionisti che applicano la metodologia BIM hanno adeguate conoscenze, abilità e competenze BIM, e sappiano applicarle con sistematicità ed efficacia in un sistema di gestione aziendale.

Richiedi offerta

La prassi di riferimento UNI/PdR 74:2019 fornisce gli elementi funzionali che un’organizzazione, sia essa un affidatario o un committente ed ognuno per le proprie competenze, deve avere per tenere sotto controllo, in maniera efficace ed efficiente, tutte le fasi di vita del cespite immobile.

La UNI/PdR 74:2019 è predisposta in coerenza con la ISO 9001:2015 in modo che le Organizzazioni che attuano un Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) possano agevolmente integrarlo con i requisiti aggiuntivi che essa prevede; fa riferimento alle disposizioni tecniche contenute nei riferimenti normativi della serie:

UNI 11337 – Gestione digitale dei processi informativi delle costruzioni

ISO 19650 – Organizzazione e digitalizzazione delle informazioni relative all’edilizia e alle opere di ingegneria civile

Il D.M. 560/2017, cosiddetto “Decreto BIM” (Decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 1° dicembre 2017, n. 560 che stabilisce le modalità e i tempi di progressiva introduzione dei metodi e degli strumenti elettronici di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture), definisce le modalità ed i tempi di progressiva introduzione, da parte delle Stazioni appaltanti, delle amministrazioni e degli operatori economici, dell’obbligatorietà dei metodi e strumenti elettronici specifici nelle fasi di progettazione, costruzione e gestione delle opere pubbliche.

A partire dal 02/08/2021 è in vigore il nuovo D.M. n.312 che modifica e aggiorna il cosiddetto “Decreto BIM”

All’art.6 stabilisce che le stazioni appaltanti applichino e richiedano in via obbligatoria, l’uso di strumenti elettronici BIM:

  • Dal 01/01/2022 per opere a base di gara di importo pari o superiore a 15 milioni di euro.
  • Dal 01/01/2023 per opere a base di gara di importo pari o superiore alla soglia comunitaria pari a 5.225.000 euro – come da articolo 35 del codice dei contratti pubblici.
  • Dal 01/01/2025 per opere a base di gara di importo pari o superiore a 1 milione di euro.

La certificazione di SGBIM rilasciata da un Organismo indipendente come TÜV Italia supporta gli adempimenti preliminari in merito all’atto organizzativo, così come previsto dall’art. 3 comma 1 lettera c, del DM 560/2017.

I vantaggi della certificazione del sistema di gestione BIM:

Garantire tutti gli operatori di filiera circa l’applicazione di conoscenze e abilità riconosciute secondo le norme di riferimento, con:

  • Simulazioni in ambienti virtuali che rilevano eventuali incongruenze e con immediate verifiche di correzioni e/o modifiche.
  • Approccio collaborativo con condivisione delle scelte tecniche.
  • Ottimizzazione e controllo di processi, costi e gestione delle eventuali varianti.
  • Più efficiente gestione globale degli asset, edilizio e impiantistico, semplificando lo svolgimento delle operazioni.
  • Riduzione di ritardi e inefficienze.
  • Visione totale sul ciclo di vita dell’opera.

Per l’implementazione di un sistema di gestione BIM l’organizzazione deve definire e assicurare un adeguato livello di competenza ed in particolare l’organigramma deve includere almeno i seguenti ruoli:

  • gestore dell’ambiente di condivisione dei dati (CDE Manager);
  • operatore avanzato della modellazione e della gestione informativa (BIM Specialist);
  • coordinatore dei flussi informativi (BIM Coordinator);
  • gestore dei processi digitalizzati (BIM Manager).

Ti possiamo supportare per la certificazione delle figure professionali BIM secondo la norma UNI 11337-7:2017.

Richiedi offerta

Come possiamo aiutarti?

Site Selector