testate-ROHS

Direttiva RoHS 2011/65/EU

Limitazioni sull'uso di sostanze pericolose

Limitazioni sull'uso di sostanze pericolose

Svolgere le proprie attività in conformità alla direttiva RoHS

Le direttive dell'Unione Europea limitano l'uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche da più di un decennio. Originariamente pubblicata nel 2002, la direttiva UE 2002/95/CE (nota anche come Direttiva RoHS) limita l'uso di sostanze chimiche quali piombo, cadmio, mercurio e cromo esavalente, così come i ritardanti di fiamma bifenili polibromurati (PBB) e i difenili polibromurati eteri (PBDE) e gli ftalati. Ai sensi della direttiva RoHS, i produttori sono tenuti a sostituire queste sostanze chimiche nei loro prodotti con alternative meno pericolose.

cos'è la nuova Direttiva rohs?

Nel 2002, l'Unione europea ha introdotto il concetto di RoHS - la restrizione sull'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE). La direttiva 2002/95/CE, entrata in vigore dal luglio 2006, richiede di dimostrare la conformità con le sei sostanze soggette a restrizioni: cadmio, cromo (VI), piombo, mercurio, bifenili polibromurati (PBB) ed eteri di difenile polibromurato (PBDE) e gli ftalati.

Dal 3 gennaio 2013, la direttiva 2011/65/UE, detta anche RoHS 2, ha sostituito la direttiva 2002/95/CE. Oltre a estendere il campo delle sostanze soggette a restrizione e a chiarire alcune definizioni, RoHS 2 è ora anche una direttiva per la marcatura CE. Quest'ultima è uno dei primi regolamenti che integra il nuovo quadro legislativo (NLF) per la commercializzazione dei prodotti in Europa e che stabilisce gli obblighi per tutti gli operatori della catena di fornitura. Inoltre, la nuova direttiva garantisce che le sostanze soggette a restrizioni aggiunte alla Direttiva RoHS 2 siano coerenti con altre normative per la limitazione all'uso di sostanze chimiche come il REACH.

Nel 2015, la direttiva delegata UE 2015/863 - RoHS 3, ha introdotto quattro nuove sostanze estremamente preoccupanti (già incluse in candidate list del regolamento REACH) alla lista di sostanze regolamentate nell’Allegato II della RoHS 2. Le 4 sostanze che si aggiungono ai metalli e ritardanti di fiamma sono:

  • Ftalato di bis(2-etilesile) DEHP: 0.1%
  • Benzilbutilftalato (BBP): 0.1%  
  • Dibutilftalato (DBP): 0.1% 
  • Diisobutilftalato (DIBP): 0.1%

I nostri servizi in breve

TÜV SÜD offre attività di testing in base ai requisiti delle specifiche norme internazionali per determinare il contenuto di sostanze pericolose nei materiali. I nostri test vengono eseguiti su materiali, componenti, parti di prodotto e prodotti finiti.

Oltre a rilasciare i marchi di certificazione TÜV SÜD, i nostri servizi comprendono XRF (fluorescenza a raggi X), test di screening, analisi chimica secondo la norma EN 62321, servizi di certificazione di prodotto RoHS, assistenza tecnico-normativa e formazione in ambito RoHS.

Come possiamo aiutarti?

Site Selector