ISO 50001

Certificazione del sistema di gestione energetica

Certificazione del sistema di gestione energetica

TÜV ITALIA È UN FORNITORE AFFIDABILE PER LA CERTIFICAZIONE ISO 50001

Il nostro marchio di certificazione ISO 50001 è immediatamente riconoscibile nel mercato, e testimonia il vostro impegno per l'efficienza energetica e per la responsabilità ambientale nei vostri processi.
Le aziende attualmente si possono certificare secondo lo standard ISO 50001:2018.

REQUISITI ISO 50001:2018

ISO 50001:2018 Sistemi di gestione dell'energia - Requisiti con guida per l'uso, condivide la struttura di alto livello (High Level Structure) definita da ISO per gli standard di sistemi di gestione. 

 

I PUNTI PRINCIPALI DELLA NORMA INCLUDONO:

• l’adozione dei requisiti ISO per gli standard del sistema di gestione, compresa una struttura di alto livello, testo identico e termini e definizioni comuni, per garantire un elevato grado di compatibilità con altri standard di sistemi di gestione;
• una migliore integrazione con i processi di gestione strategica;
• una maggiore enfasi sul ruolo dell'alta direzione;
• l’inclusione di nuove definizioni, tra cui il miglioramento delle prestazioni energetiche;
• una definizione più chiara dell’”Energy Review”;
• l’introduzione del concetto di normalizzazione degli indicatori di prestazione energetica [EnPI] e relative baseline energetiche [EnB];
• l’aggiunta di dettagli sul piano di raccolta dei dati energetici e relativi requisiti (precedentemente piano di misurazione dell'energia);
• un chiarimento del testo relativo agli indicatori di prestazione energetica [EnPI] e alle baseline energetiche [EnB] al fine di fornire una migliore comprensione di questi concetti.

RICHIEDI UN'OFFERTA

 

NUOVA EDIZIONE DELLA ISO 50003:2021

Le aziende attualmente certificate secondo ISO 50001:2018, per quanto riguarda i tempi e le modalità di certificazione fanno riferimento allo standard ISO 50003:2014. Da Maggio 2021 è stata pubblicata la revisione 2021 della ISO 50003.

TIMELINE DELLA TRANSIZIONE

30 novembre 2023: termine per il completamento della transizione alla nuova revisione della ISO 50003 da parte degli OdC accreditati SGE e di conseguenza termine ultimo per gli OdC per utilizzare la nuova versione di ISO 50003 per tutti i clienti.

 

REQUISITI: QUALI SONO LE PRINCIPALI NOVITÀ?

Le principali novità rispetto alla precedente edizione sono le seguenti (Circ. Accredia del 31/01/2022):

  • le definizioni sono state aggiornate per includere il tempo di audit, la durata dell'audit e i termini relativi agli audit multisito;
  • l'espressione "informazioni documentate mantenute" è stata utilizzata per identificare procedure, istruzioni di lavoro o altre forme di documenti che forniscono informazioni su chi, cosa, quando, come o perché;
  • l'espressione "informazioni documentate conservate" o "registrazione di evidenze di audit" è stata utilizzata per identificare registrazioni che dimostrano o forniscono evidenza dell'implementazione di un requisito;
  • la struttura è stata aggiornata per allinearsi alla norma ISO/IEC 17021-1:2015;
  • la frase "giorni uomo" è stata modificata in "giorni di audit";
  • per i calcoli dei giorni di audit, il numero di tipi di energia è stato modificato in quelli che comprendono nel loro complesso almeno l'80 % del consumo totale;
  • sono stati modificati i valori ponderati per la complessità;
  • sono stati aggiornati i requisiti di campionamento per i SGE multisito;
  • è stato chiarito l'uso dei documenti IAF MD in relazione agli allegati A e B;
  • le informazioni sul personale effettivo del SGE sono state chiarite in A.2;
  • le tabelle A.3 e A.4 sono state modificate per fare riferimento al tempo di audit piuttosto che alla durata dell'audit;
  • in relazione al miglioramento delle prestazioni energetiche sono intervenuti i seguenti cambiamenti:
    • la definizione in 3.6 della ISO 50003:2014 di "Miglioramento delle prestazioni energetiche" è stata eliminata. Occorre fare riferimento alla definizione di cui al punto 3.4.6 della ISO 50001:2018;
    • negli audit di sorveglianza, un'organizzazione deve dimostrare "l'attuazione di azioni per il miglioramento delle prestazioni energetiche" piuttosto che dimostrare "il raggiungimento del miglioramento delle prestazioni energetiche" come nel caso di verifica iniziale e di rinnovo;
  • a tutela dell'imparzialità, l'organismo di certificazione deve gestire, come potenziale conflitto di interessi, gli audit energetici e/o altri servizi energetici (vedi punto 3.13 di ISO 50007:2017 Energy services — Guidelines for the assessment and improvement of the energy service to users) svolti dall’auditor o dall'organismo di certificazione negli ultimi due anni;
  • le aree tecniche sono state rimosse e sono stati aggiornati i requisiti per la competenza tecnica.
    In merito a quest’ultima modifica, ACCREDIA, in questa prima fase di transizione, manterrà in vigore le regole attuali in riferimento alle aree tecniche indicate nella ISO 50003:2014 per il campionamento, nel ciclo di accreditamento, dello scopo di accreditamento e delle relative competenze. ACCREDIA apporterà modifiche alle regole di campionamento sulla base delle eventuali future decisioni di IAF TC.

Esplora

ISO 50001 Energy Management
White paper

ISO 50001: Sistemi di gestione dell'energia

Panoramica sui requisiti della norma ISO 50001. Scarica ora il white paper gratuito.

Scaricalo ora

Catalogo corsi TUV Italia Akademie
Brochure

Catalogo Corsi Interattivo

Oltre 250 corsi di formazione in aula, online e in modalità e-learning

Scopri i nostri corsi

Tutte le risorse

Come possiamo aiutarti?

Site Selector