servizi in ambito food

  • Analisi chimiche alimenti

    Le principali analisi e servizi di questo settore sono:

    • analisi composizionali degli ingredienti di alimenti di qualsiasi natura con la caratterizzazione delle proteine, dei carboidrati (zuccheri e amido), dei grassi (saturi, monoinsaturi, polinsaturi, acidi grassi trans, acidi grassi omega tre, DHA, EPA), della frazione fibrosa (fibra dietetica totale, fibra dietetica insolubile e solubile), dei minerali (calcio, fosforo, ferro, magnesio, potassio, sodio, zinco, iodio);
    • vitamine idrosolubili e liposolubili, oligoelementi;
    • analisi di amminoacidi liberi e totali;
    • analisi oli e grassi secondo il Reg. CEE 2568/1991 e successivi aggiornamenti;
    • analisi di vini e bevande;
    • analisi additivi conservanti, antiossidanti, edulcoranti, addensanti;
    • analisi di ammine biogene;
    • analisi attività enzimatiche lipasi, proteasi, fosfatasi;
    • analisi degli oli essenziali in spezie varie;
    • altre determinazioni (ad es. analisi su alimenti funzionali) catechine, polifenoli, antociani, capacità antiossidante, etc.;
    • analisi varie: IPA, ftalati, PCB, residui di solventi utilizzati nei processi produttivi;
    • determinazione di metalli tossici: arsenico, cadmio, cromo, manganese, mercurio, piombo, rame;
    • analisi di alimenti per uso animale: proteine grezze, fibra grezza, fibra neutro detersa e acido detersa, grassi grezzi, ceneri grezze;
    • studi di messa a punto di nuovi indici analitici per una obiettiva valutazione di parametri tecnologici e di processo.

    Maggiori informazioni

  • Analisi microbiologiche e biomolecolari

    Analisi microbiologiche

    • analisi di alimenti;
    • analisi di acque potabili e di scarico;
    • analisi di compost e fanghi da impianti di depurazione;
    • controllo delle superfici degli ambienti di lavoro;
    • controllo dell’aria;
    • controllo della purezza dei prodotti cosmetici;
    • monitoraggio del rischio legionellosi negli ambienti esposti.

    Maggiori informazioni

     

    Analisi biomolecolari

    • determinazioni qualitative e quantitative di organismi geneticamente modificati (OGM) su materie prime e su prodotti finiti;
    • rilevazione e quantificazione del glutine con l’anticorpo monoclonale R5;
    • ricerca di allergeni in PCR real-time e in ELISA;
    • identificazione delle specie animali in carni lavorate, insaccati, carni in scatola, formaggi, latte e mangimi;
    • quantificazione di DNA equino, bovino e suino in PCR real-time;
    • ricerca di patogeni alimentari in 24 ore mediante PCR real-time;
    • ricerca di farina di grano tenero in grano duro.

    Maggiori informazioni

  • Analisi ecotossicologiche, fitopatologiche e sensoriali

    Analisi ecotossicologiche

    • test di tossicità acuta e cronica con utilizzo di alghe, crostacei e altre specie ittiche;
    • test di crescita algale con selenastrum capricornutum;
    • test di biodegradabilità e di bioaccumulo;
    • monitoraggio biologico dei corsi d’acqua con utilizzo dell’Indice Biotico Esteso (I.B.E.);
    • caratterizzazione dell’ittiofauna con utilizzo di elettrostorditore;
    • test di fitotossicità con lepidum sativum e lactuca sativa.

    Maggiori informazioni

     

    Analisi fitopatologiche

    • crittogame (funghi)
    • insetti
    • acari
    • fitoplasmi (Flavescenza dorata della vite, etc.)
    • virus (come GFLV; GFKV; GRLaV-1,3; GVA, etc.) 
    • batteri (come Agrobacterium tumefaciens, etc).

    Il laboratorio fitopatologico è accreditato dal Servizio Fitosanitario Regionale.

    Maggiori informazioni

    Analisi sensoriali

    La possibilità di poter utilizzare un gruppo di assaggiatori interno, costituito da 20 persone, rende pH una delle poche strutture a livello nazionale in grado di poter garantire un servizio analitico completo di valutazione sensoriale; è inoltre accreditato ACCREDIA per l’analisi sensoriale triangolare secondo la ISO 4120:2004.

    Il laboratorio pH è riconosciuto da parte del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali per la certificazione, a livello chimico e sensoriale, degli oli DOP e IGP.

    Maggiori informazioni

  • Test e servizi per il settore oleicolo
    • Analisi per la determinazione delle caratteristiche di qualità e di purezza degli oli di oliva, ai sensi del Regolamento (CEE) n. 2568/91 e Reg. UE 2095/2016;
    • Valutazione Organolettica per la classificazione degli oli di oliva: pH ha al proprio interno un Panel di assaggiatori competenti all’accertamento delle caratteristiche organolettiche degli oli di oliva vergini (ai sensi del Regolamento CE n. 2568/91), ed è l’unico panel privato italiano indipendente ad essere riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole, oltre ad essere accreditato 17025 per questa prova. 
    • Ricerca di contaminantiPesticidi, Plastificanti, IPA, MOSH/MOAH, Metalli pesanti, Diossine e PCB, 3-MCPD: 3-monocloro-1,2-propandiolo (per olio di oliva raffinato)

    Maggiori informazioni

  • Test per l'etichettatura dei prodotti

    Il nostro test di etichettatura sui prodotti fornisce informazioni costantemente aggiornate per i vostri clienti che possono scoprire rapidamente e facilmente informazioni sui test che abbiamo effettuato per garantire la sicurezza dei vostri prodotti.

    Maggiori informazioni

 

 

servizi in ambito food contact & Products

  • Test e certificazione dei materiali a contatto con alimenti (MOCA)

    TÜV SÜD offre numerosi test e certificazioni per una vasta gamma di materiali a contatto con gli alimenti, tra cui:

    • Contenitori

    • Posate e piatti

    • Materiali e articoli a contatto con l'acqua per il consumo umano

    • Materiali da imballaggio

    • Macchine per la lavorazione

    • gomme naturali e sintetiche

    Maggiori informazioni

  • Test e verifica della componentistica per macchinari alimentari, impianti e dispostitivi per l’acqua potabile

    I macchinari utilizzati per la trasformazione, produzione e movimentazione degli alimenti, gli impianti di grandi dimensioni, così come vendor machine e coffee machine, oltre ai dispositivi utilizzati per la captazione, distribuzione e filtrazione delle acque devono sottostare a disposizioni nazionali, internazionali in ambito UE ed extra CEE in fatto di contatto alimentare.

    Nel valutare la conformità di prodotti così complessi e realizzati con molti componenti, potrebbe avvenire che la somma delle singole migrazioni risulti superiore ad uno o più limiti previsti per legge e quindi che l’accumulo delle singole sostanze possa generare una condizione di non conformità. Per questo i laboratori pH sottopongono ad analisi il prodotto alimentare dopo il contatto con l’intera macchina (o dopo l’attraversamento) in condizioni di funzionamento.

    Maggiori informazioni

  • Valutazione sensoriale su packaging

    I laboratori pH, attraverso un panel addestrato per l'esecuzione di test condotti secondo i metodi previsti dalle Norme UNI, effettuano studi per la valutazione del rischio di danno sensoriale in conformità a quanto richiesto dal Regolamento (CE) n. 1935/2004. La valutazione del rischio di danno organolettico viene svolta tramite analisi sensoriali che permettono di misurare l’odore di un imballaggio e/o la sua attitudine a modificare il gusto degli alimenti confezionati o di loro simulanti.

    Maggiori informazioni

  • Analisi NIAS - sostanze non intenzionalmente aggiunte

    I materiali destinati a venire a contatto con gli alimenti sono una potenziale fonte di contaminazione alimentare, potendo rilasciare sostanze migranti con diverse proprietà tossicologiche a seconda della loro composizione chimica, del tempo di esposizione e delle condizioni fisiche in cui si trovano.

    La caratterizzazione di tali sostanze è un parametro critico dal momento che la maggior parte di esse sono sostanze sconosciute, o conosciute e non ammesse, e comunque non intenzionalmente aggiunte. Questi sono i NIAS, definiti dall’Articolo 3 del Regolamento EU 10/2011 come “sostanze aggiunte non intenzionalmente: impurità presente nelle sostanze utilizzate, intermedio di reazione formatosi durante il processo produttivo o prodotto di reazione o di decomposizione.”

    Maggiori informazioni

  • Direttiva RoHS 2011/65/EU - Limitazioni sull'uso di sostanze pericolose

    Le direttive dell'Unione Europea limitano l'uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche da più di un decennio. Originariamente pubblicata nel 2002, la direttiva UE 2002/95/CE (nota anche come Direttiva RoHS) limita l'uso di sostanze chimiche quali piombo, cadmio, mercurio e cromo esavalente, così come i ritardanti di fiamma bifenili polibromurati (PBB) e i difenili polibromurati eteri (PBDE). Ai sensi della direttiva RoHS, i produttori sono tenuti a sostituire queste sostanze chimiche nei loro prodotti con alternative meno pericolose.

    Maggiori informazioni

  • REACH - Regolamento CE 1907/2006

    REACH, il Regolamento CE n° 1907/2006 fornisce un quadro giuridico sull'uso delle sostanze chimiche nell'Unione Europea, per garantire un elevato livello di protezione della salute umana e dell'ambiente, oltre a promuovere la libera circolazione dei prodotti chimici nel mercato UE, rafforzandone la competitività e l'innovazione.

    REACH assegna la responsabilità di dimostrare la sicurezza dei prodotti a coloro che immettono i prodotti sul mercato dell'UE. Per i prodotti fabbricati in UE, questa responsabilità ricade sul produttore UE. Nel caso di fabbricanti extra UE, la responsabilità dei loro prodotti ricade sull'importatore europeo.

    TÜV SÜD supporta le aziende nell'identificare correttamente gli obblighi e di fornisce servizi e soluzioni per soddisfare tali obblighi. I nostri servizi comprendono una gamma completa di supporto per la registrazione (come rappresentante, o nella preparazione dei fascicoli di registrazione e della relazione sulla sicurezza chimica e servizi GHS / CLP-correlati), test chimici (sulle sostanze limitate e sulle sostanze estremamente problematiche (SVHC)) e la formazione (formazione interna e la formazione dei fornitori).

    Maggiori informazioni

  • Test e ricerca OGM per il cotone organico

    Laboratori pH sono in grado di effettuare test per ricercare pesticidi sui tessuti derivati da fibre naturali coltivate secondo metodica biologica. La metodica utilizzata è accreditata e contiene tutti i principi attivi previsti da GOTS (Global Organic Textile Standard), che fissa anche i limiti di tolleranza e disciplina i metalli pesanti (Arsenico, Cadmio, Cobalto, Cromo, Mercurio, Molibdeno, Nichel, Piombo, Rame, Selenio, Zinco).

    Inoltre, i Laboratori pH sono tra i pochi ad eseguire la ricerca degli OGM con metodo accreditato, secondo standard internazionale (ISO IWA 32:2019) riconosciuta dal GOTS per garantire che non sia stato utilizzato cotone geneticamente modificato. 

     

 

 

certificazioni

  • Certificazione QS

    Il sistema QS (acronimo di “Qualität & Sicherheit”, ovvero Qualità & Sicurezza) è un sistema di certificazione per un’assicurazione uniforme della qualità, dal campo di coltivazione o dall’allevamento al banco del negozio. Il sistema di certificazione agroalimentare QS è composto da circa una ventina di norme di organizzazione e controllo che sfocia in un sistema coordinato di filiera. Sono interessati a questa certificazione i settori dei mangimi, delle carni (in particolare avicole e suine) e dell’ortofrutta.

    TÜV Italia, come rappresentante italiano del gruppo TÜV SÜD, è in grado di rilasciare un certificato QS attraverso la propria casa madre tedesca, in quanto Organismo di Controllo riconosciuto da QS e accreditato ISO/IEC 17065.

    Maggiori informazioni

  • Certificazione volontaria di prodotto

    La certificazione volontaria di prodotto ha lo scopo di valorizzare i prodotti attraverso l’enunciazione di caratteristiche peculiari del prodotto in un documento tecnico, che costituisce la base su cui si fonda la certificazione.

    Le caratteristiche spesso riguardano l’assenza di prodotti o ingredienti ritenuti indesiderabili da alcuni consumatori, come ad esempio ingredienti provenienti da Organismi Geneticamente Modificati, conservanti, pesticidi o sostanze responsabili di  intolleranze alimentari o allergie (es. glutine, lattosio). In altri casi le caratteristiche valorizzate possono riguardare parametri tecnologici (es. temperature di essiccazione, pastorizzazione) oppure caratteristiche di origine (es. materia prima di origine italiana).

    Maggiori informazioni

  • ISO 22000 sicurezza della catena di fornitura alimentare

    ISO 22000 è uno standard internazionale progettato per garantire la sicurezza della catena di fornitura alimentare in tutto il mondo, consentendo alle organizzazioni di dimostrare la loro capacità di controllare i rischi per la sicurezza alimentare e garantire che gli alimenti siano sicuri ai fini del consumo umano. 

    Lo standard è applicabile a tutte le organizzazioni di qualsiasi dimensione all'interno della catena alimentare ed è riconosciuto in tutto il mondo da parti interessate quali autorità di controllo, produttori primari, produttori e confezionatori di alimenti, rivenditori e consumatori. 

    Maggiori informazioni

  • ISO 22005 Rintracciabilità di filiera

    La norma ISO 22005 recepisce le norme italiane UNI 10939:2001 - “Sistema di rintracciabilità nelle filiere agroalimentari” e UNI 11020:2002 - “Sistema di rintracciabilità nelle aziende agroalimentari”.

    La ISO 22005 si applica a tutto il settore agroalimentare, comprese le produzioni mangimistiche, e rappresenta oggi la norma di riferimento per la certificazione di sistemi di tracciabilità nel settore agroalimentare.

    Maggiori informazioni

 

 

altri servizi

Come possiamo aiutarti?

Site Selector