Choose another country to see content specific to your location

//Select Country

Plastica e riciclo: cosa sta cambiando?

Take a break with us

Il panorama normativo europeo in ambito ambientale è in grande evoluzione: una crescente sensibilizzazione al tema dell’inquinamento porterà entro il 2021 a proibire l’uso di plastiche monouso. Ma tanto può essere già fatto adesso, sia dai consumatori che dalle aziende produttrici e da quelle che operano nella filiera del riciclo.


Al termine del 2018, le istituzioni dell’Unione europea hanno raggiunto uno storico accordo che ridurrà sensibilmente la produzione di oggetti in plastica monouso a partire dal 2021.

Alcuni prodotti in plastica come posate, bastoncini cotonati, piatti, cannucce, miscelatori per bevande e bastoncini per palloncini, che costituiscono il 70% dei rifiuti marini, saranno, infatti, vietati in tutta Europa.

A questa, si aggiungono altre disposizioni. Oltre allo stop totale per i prodotti monouso, nell’accordo UE è presente anche un obiettivo di riduzione riguardante altri articoli – come le bottiglie in Pet o i contenitori per fast-food in polistirolo espanso – per cui gli stati membri dovranno impegnarsi a produrre almeno il 25% di essi in plastica riciclata dal 2025 in poi, e le aziende produttrici con almeno il 30% di materiale riciclato, dal 2030.

Il problema non è solo nella produzione della plastica ma anche nel suo smaltimento. Si conta, infatti, che solo l’Europa genera ogni anno 25.8 milioni di tonnellate di rifiuti in plastica, ma meno del 30% di questo materiale viene raccolto per poter essere poi riciclato.

In Italia, cosa si può fare e cosa si fa già per la riduzione della plastica e per il suo smaltimento?

Sebbene l’Italia sia leader europeo nella realizzazione di stoviglie monouso in plastica, non mancano le campagne di sensibilizzazione. A Milano, ad esempio, è partita il 1 marzo 2019 l’iniziativa Milano Plastic Free, in collaborazione con Legambiente e Confcommercio, che ha l’obiettivo di stimolare i proprietari di bar, ristoranti ed esercizi commerciali per aiutarli a rinunciare a bicchieri, posate, piatti, sacchetti e altri contenitori in plastica monouso. La sperimentazione è partita dalle circa 200 attività commerciali di quattro vie della città ma è diretta a qualsiasi esercente che desideri aderire. Milano non è la sola città: le amministrazioni si muovono anche in Piemonte, che lancia un appello ai comuni della regione affinché adottino all’unisono una mozione che vieta l’utilizzo della plastica monouso sui loro territori, e in Sicilia, prima regione d’Italia a dotarsi di una legge ufficiale Plastic Free.

Anche le aziende, in qualsiasi settore operino, hanno la grande possibilità di influire su questo sistema, intraprendendo iniziative per ridurre l’impatto ambientale delle proprie attività e promuovendo strategie di razionalizzazione dei processi produttivi e di contenimento dei consumi in plastica.


SAI CHE...

 

Conosci i simboli usati per identificare i tipi di plastiche e il loro significato?
La nota icona triangolare può contenere al suo interno numeri da 1 a 7, ciascuno corrispondente a un diverso tipo di platica (differente per aspetto, componenti e destinazione d’uso).

Di questi, solo i simboli dall’1 al 4, ovvero quelli contenenti le sigle PET, PE e PVC sono completamente riciclabili!


La filiera del riciclo

All’interno di questo sistema, è fondamentale l’attività svolta da tutta la filiera del riciclo della plastica, ossia dagli impianti di selezione, riciclo e recupero. Gli impianti devono rispettare i requisiti legislativi oltre a standard imposti dal cliente. Per questo TÜV Italia ha messo a punto un servizio customizzato per le aziende che operano in questo settore, offrendo attività di verifica degli impianti.

Abbiamo chiesto a Davide VergaraProject Specialist di TÜV Italia, di spiegarci in cosa consiste questo servizio customizzato che svolge presso COREPLA, il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio e il recupero degli imballaggi in plastica.

Davide, in cosa consistono gli audit che svolgi?

Gli audit svolti per il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio e il recupero degli imballaggi in plastica COREPLA consistono nella valutazione sulla conformità legislativa ambientale dell’impianto di selezione, riciclo e/o recupero oltre che ad una valutazione specifica sugli standard imposti dal cliente. Le attività sono molto variegate e dipendono fortemente dalla tipologia di impianto ispezionato oltre che alla tipologia di materiale utilizzato.

Qual è il valore aggiunto di questo servizio customizzato (CUS) per l’azienda e quali vantaggi comporta per la salvaguardia dell’impatto ambientale? 

Attraverso lo svolgimento di questo servizio l’azienda è in grado di individuare possibili rischi derivanti da una sempre più complicata legislazione ambientale che potrebbero mettere a repentaglio la reputazione aziendale, oltre a garantire che gli standard nazionali di riciclo e recupero vengano rispettati.

Riciclare e recuperare salvaguardano l’ambiente dall’immissione di sostanze che potrebbero essere nocivi per gli esseri viventi. In natura tutto è collegato e attraverso l’analisi dei rischi derivanti dalla gestione dei rifiuti è possibile prevenire numerosi impatti ambientali, quali incendi, inquinamento delle falde acquifere o del suolo. 


Servizi correlati:


Altre fonti:

Wired - Divieto europeo plastica monouso

Il Sole 24ore - Plastica usa e getta: giro di vite UE

Legambiente - Milano Plastic Free

 

Come possiamo aiutarti?

Select Your Location

Global

Americas

Asia

Europe

Middle East and Africa