One world Sustainability report 2021
2 min

La certificazione ISO 9001: un vantaggio in più per RE-CORD, laboratorio no profit dedicato alla sostenibilità

RE-CORD è un centro di ricerca no profit che tutti i giorni cerca di integrare il binomio “Innovazione e sostenibilità” e che, con l’ottenimento della certificazione ISO 9001 con TÜV Italia, ha aggiunto un vantaggio competitivo alla propria mission.


Lo scorso mese è stato consegnato formalmente a RE-CORD il certificato che attesta il raggiungimento della certificazione ISO 9001:2015, con il seguente campo di applicazione: “Ricerca, sviluppo, dimostrazione, consulenze e servizi alle imprese nel campo delle biomasse, delle energie rinnovabili, della bioeconomia e dell'economia circolare. Studi, prove sperimentali, analisi di laboratorio, ricerca conto terzi, ricerca applicata, ricerca competitiva nell'ambito di bandi pubblici”.

 

Chi è il Consorzio Record?

 

RE-CORD è un centro di ricerca no profit fondato nel 2010 su iniziativa dell’Università di Firenze; ad oggi soci del Consorzio sono anche il Politecnico di Torino, CONSIAG S.p.A. (multiutility), il Gruppo di Azione Locale Start S.r.l., Spike S.r.l. (società di Ingegneria), ETA Florence S.r.l.  (società di comunicazione e divulgazione scientifica). Obiettivo del Consorzio è quello di favorire lo sviluppo nei settori strategici della bioeconomia e dell’economia circolare, mettendo a sistema le competenze e gli asset dei suoi membri e i propri.

RE-CORD è in grado di operare efficacemente in un ambito come quello dell’economia circolare che richiede un approccio fortemente interdisciplinare proprio grazie agli asset strategici di cui dispone, a partire dal laboratorio analitico dove vengono caratterizzati biomasse, scarti e prodotti, alle due aree sperimentali, una dedicata alle attività di trasformazione termochimica, l’altra alle attività in ambito agro-bio-clima, fino al suo team composto da ricercatori e professionisti specializzati in tutti i settori coinvolti (ingegneria, chimica, biologia e biotecnologie, agronomia, fisica, economia) e alla sua vasta rete di partner.

 

Abbiamo deciso di parlarne con Stefano Santelli, Amministratore Delegato di Re-Cord.

 

consegna certifica re-cord da tuv italia

 

Perché avete scelto di certificarvi ISO 9001?

RE-CORD ha scelto di adottare un Sistema di Gestione della qualità non sotto la spinta di un’urgenza, come può essere la partecipazione ad una gara, ma per una scelta strategica della Direzione che ha visto nel percorso di certificazione un’importante opportunità di maturazione e crescita. Il motore della scelta è stata infatti la volontà di creare un ambiente maggiormente idoneo allo sviluppo ottimale delle potenzialità presenti. E la scelta pare essere stata vincente dato che già dopo alcuni mesi di lavoro si sono visti i primi frutti: la comunicazione fra le aree e fra le persone risulta più chiara ed efficace, le competenze presenti in azienda risultano maggiormente valorizzate, il numero di opportunità colte e di progetti avviati è cresciuto.

 

 

Quali sono gli sviluppi futuri a cui punta RE-CORD?

RE-CORD punta a rappresentare ogni giorno di più un punto di riferimento per lo sviluppo e l’innovazione nell’ambito dell’economia circolare. Le ambiziose sfide del tempo presente richiedono la messa a punto di nuove tecnologie e prodotti, nonché l’identificazione ed organizzazione di nuove filiere nell’ottica dell’end-of-waste, superando totalmente l’idea di rifiuto e creando al contempo nuove opportunità di business, sia su scala locale che su scala globale. RE-CORD ambisce a giocare un ruolo sempre più centrale sia nella ricerca e dimostrazione per la definizione di nuove soluzioni tecnologiche, sia nel supportare il mondo industriale nella transizione verso soluzioni e scenari totalmente sostenibili.

 

Come possiamo aiutarti?

Site Selector