Allerta Listeria: massima attenzione al cibo

pH Labs e TÜV Italia indicano le buone pratiche per limitarne rischi e pericoli

pH Labs e TÜV Italia indicano le buone pratiche per limitarne rischi e pericoli

Milano. Listeria è un nome che ritorna a far paura e che nelle ultime settimane ha raggiunto la ribalta della cronaca per aver causato diversi focolai epidemici in varie regioni italiane. Le autorità competenti stanno conducendo indagini sugli alimenti potenzialmente correlati ai casi umani di listeriosi, malattia causata dall’agente patogeno Listeria monocytogenes, che colpisce l’uomo e gli animali.

tuv italia listeriaLa listeria è presente in natura, in terreni, acque, piante e animali come bovini, ovini e caprini, che possono diventare portatori del batterio. Seppur rara, la listeriosi è spesso grave, con elevati tassi di ricovero ospedaliero e mortalità. Nelle persone infette i sintomi variano, da lievi sintomi simil-influenzali, come nausea, vomito e diarrea, a infezioni più gravi, quali meningite e altre complicanze potenzialmente letali. Le persone più sensibili alle infezioni da Listeria sono gli anziani, le donne in gravidanza, i neonati e le persone con deficit del sistema immunitario.

Per l’uomo il principale veicolo di trasmissione è il consumo di cibo. La listeria, infatti, tende a proliferare negli alimenti, soprattutto in quelli freschi, ma sopravvive anche sulle superfici con cui vengono a contatto come quelle di posate, contenitori, coltelli, e nel frigorifero. In generale, i cibi più a rischio sono quelli pronti al consumo inclusi i surgelati.

Per evitare rischi l’esperta di pH labs, Monica Filippini, suggerisce: "Rispettare la data di scadenza, mantenere una temperatura del frigo minore di 5°C, tenere separati i cibi crudi (vegetali e carni) da quelli cotti o pronti al consumo, lavare molto bene i vegetali da consumare crudi e cuocere i cibi in modo appropriato, non far mangiare a bambini molto piccoli salsicce crude o pesce crudo.”

Poche ma chiare prassi di produzione e conservazione dei cibi per evitare allarmismi e continuare a consumare con piacere i nostri cibi preferiti.

Per il rilevamento e la quantificazione di L. specie e di L. monocytogenes nel laboratorio pH di TÜV Italia, Gruppo TÜV SÜD vengono svolte le seguenti attività analitiche:

  • ricerca di Listeria monocytogenes in alimenti e campioni ambientali con metodo molecolare accreditato;
  • ricerca e numerazione di Listeria monocytogenes in alimenti e campioni ambientali con metodi microbiologici ISO 11290-1: 2017, ISO 11290-2:2017, USDA FSIS MLG8

Leggi tutto il comunicato in pdf

Come possiamo aiutarti?

Site Selector