Choose another country to see content specific to your location

//Select Country

La continuità operativa ai tempi del Coronavirus

La continuità operativa ai tempi del Coronavirus

L’emergenza mondiale che stiamo vivendo suggerisce molteplici riflessioni sui concetti di “rischio di discontinuità” e di “continuità operativa”, a seconda di applicarli ad ambiti che spaziano dall’esperienza domestico-familiare, al mondo del business, dell’amministrazione e della collettività. Il “rischio di discontinuità” di un’attività (o di un processo) è per definizione la combinazione della probabilità che l’attività si interrompa con l’effetto prodotto dall’interruzione.

All’inizio del 2020, con l’entrata in scena del Coronavirus, il mondo è cambiato forse irreversibilmente, a partire dalla consapevolezza delle persone, siano essi cittadini, lavoratori, imprenditori, governanti. Tutti indistintamente ci siamo resi conto che per evitare danni maggiori rispetto a quelli subiti semplicemente per non aver diffuso immediatamente l’allarme del contagio, bisognava innanzitutto rimanere a casa.

E qui veniamo al concetto di “continuità operativa”, che nel mondo ISO (International Organization for Standardization) è formalmente definito come “capacità di un’organizzazione di mantenere la consegna di prodotti e servizi a livelli accettabili predefiniti a seguito di una interruzione”. In altre parole, la continuità operativa corrisponde a un “atteggiamento gestionale” che valuta il rischio di accadimento di interruzioni “produttive” dovute alle minacce cui è sottoposta l’organizzazione, e che predispone delle strategie di contenimento e contrasto, mettendo a disposizione con anticipo (cioè in “tempo di pace”) le risorse (umane e materiali), le informazioni e le procedure.

Nell’ipotesi di pandemia un’organizzazione deve garantire:

  • La ridondanza delle risorse umane, in termini di quantità e di competenze, sia per non abbandonare la trincea (il processo primario), che per non far mancare l’appoggio dalle retrovie(i processi di supporto)
  • L’accesso ad infrastrutture produttive o di servizio alternative
  • La disponibilità di fornitori alternativi, in caso di “default” dei principali
  • Un adeguato dimensionamento delle scorte, per gestire i primi momenti di interruzione fino al ristabilimento della supply chain
  • La definizione di canali e di modalità di comunicazione adeguate all’evento, perché l’informazione è uno strumento vitale per fronteggiare le crisi

Comunicato stampa integrale

esplora

Catalogo corsi TUV Italia Akademie
Brochure

Catalogo Corsi Interattivo

Oltre 250 corsi di formazione in aula, online e in modalità e-learning

Scopri i nostri corsi

tutte le risorse

Come possiamo aiutarti?

Select Your Location

Global

Americas

Asia

Europe

Middle East and Africa