Choose another country to see content specific to your location

//Select Country

Certificazione ISO 9001 per “I borghi più belli d’Italia”

Certificazione ISO 9001 per “I borghi più belli d’Italia”

9/5/2019. La sede romana di ENIT, l’Agenzia Nazionale per il Turismo ha ospitato la conferenza stampa promossa dal Club “I borghi più belli d’Italia” per la presentazione della certificazione ISO 9001 recentemente ottenuta con il nostro ente e l’edizione 2019 della Guida de “I borghi più belli d’Italia”. Fondato neI 2002 su impulso dell’ANCI, l’Associazione dei Comuni Italiani, Il Club “I Borghi più belli d’Italia” vuole salvaguardare, conservare e rivitalizzare piccoli nuclei del nostro territorio, che, non rientrando nei grandi circuiti turistici, possono correre il rischio di spopolamento se non di abbandono, di degrado delle strutture architettoniche presenti e dell’impianto urbanistico originario. Territori di una bellezza discreta ma affascinante anche per la loro qualità di vita, valori di cui la comunità deve sentirsi responsabile.

Collegato ad ANCI, ma autonomo, senza fini di lucro e con un proprio statuto, il Club raccoglie oggi 293 borghi, che per regolamento non devono contare più di 2000 abitanti nel loro centro storico e, se frazioni, il Comune di appartenenza non deve superare i 15000. Negli anni molti comuni hanno fatto domanda di ammissione, ma solo 293 sono risultati avere i requisiti indicati dalla Carta di Qualità e quindi riconosciuti.

Il Club ha affrontato l’iter per la certificazione ISO 9001 relativamente ai “servizi finalizzati alla valorizzazione, mantenimento e recupero del patrimonio culturale nazionale di memorie e monumenti, ed alla promozione turistica dei Comuni aderenti”.

Comunicato stampa integrale

 

esplora

Catalogo corsi TUV Italia Akademie
Brochure

Catalogo Corsi Interattivo

Oltre 250 corsi di formazione in aula, online e in modalità e-learning

Scopri i nostri corsi

tutte le risorse

Come possiamo aiutarti?

Select Your Location

Global

Americas

Asia

Europe

Middle East and Africa